Grave lutto

Oggi pubblichiamo una triste notizia che ha colpito la nostra Comunità

ci ha lasciato la cara Giuseppina Levi in Fanetti giuseppina-levidi anni 66
ne annunciano la scomparsa il marito Gregorio Luigi, i figli Michela, Giorgio, Anna e Claudia con le rispettive famiglie, la mamma Dorotea e i fratelli, le sorelle ed i parenti tutti.

A Luigi, ai figli e a fratelli e sorelle le più sentite condoglianze da tutti gli amici i Parenti e da tutti i nostri amici Emigrati in USA che periodicamente partecipano alla reunion .

 

Quì sotto pubblichiamo la lettera inviataci dal nostro amico Bill anche a nome  di tutte le Famiglie degli Emigrati USA.
Cliccando su “Leggi tutto”  è possibile leggere il testo completo e lasciare messaggi o commenti.

 

(la traduzione Italiana è eseguita automaticamente, non è perfetta ma è comprensibile ) 

BanUSA

My friends in Italy

I just want you to know that I have sent this to all of your many friends here in the U.S. that love and care for you all.

Bill
My Friends

I am in complete shock and disbelief. I have no words that seem appropriate.  But I must try.  Many of you knew Pina, Luigi Fanetti’s wife.  I knew her and her care very well.  She was and is a saint.  She was a very rare type of person.  A person  type that is a God send, a person that when we are able to know them, to experience their love and care, our own lives are nothing but enhanced. We all meet and have the privilege to know such people if we are blessed at times throughout our lives. But sadly, it too often takes their passing for us to most appreciate them because it is only then that our stupidity in our humanity ends and then we are left only wishing we had done more to let them know more clearly of our love and appreciation for what God sent us through them. Pina always knew well my love for her and her care but now, looking back it is just more it seems.   We can still talk to Pina and I have. I can’t really describe how I feel right now but the tears are flowing.  Pina was a person like my Grandmother Wilma Trussoni as I remember her was.  Pina was not like a grandmother to me but rather just as good as a person can be and a true friend. She was without any doubt as good a person as my grandmother was and that is so very good. I never heard Grandma or Pina ever say a bad word about anyone. I don’t think Pina ever had a bad thought about another person. Always only love and care for others, no matter what.

Few of us will be remembered as such but Pina will be.

Pina did so much not only to help me personally whenever I was in Campodolcino (washing my clothes, feeding me etc. etc.) but in addition her constant support and help to Luigi and Michela and to so many others who contribute to the success of our group visits had truly been key to the success for many years. For you newcomer’s getting this letter, Pina’s husband, Luigi Fanetti and their daughter Michela, have been from the very start (6 years ago) been my main contacts and support in planning etc. etc. etc. our group visits.  The group visits would have been and would be virtually impossible with their help.  I first met Pina, Luigi  and his family in November of 2004, 12 years ago.  She was a saint already then.

Pina had been sick for some time but this was unexpected. I am told she died of heart failure last night.   So sad, it just seems impossible that it is true and that I am writing this to you. We all – you all and me – will be doing something very special for her and her family. I have already sent word asking our dear friends Walter and his daughter Paola Trussoni to help us do this.  Flowers, etc. whatever they think is best to show our love for Pina and our remembrance of her during this very sad time.

Not that Pina needs prayers as much as most of us do, but I am sure you all will remember her in yours.

Bill & Rose Trussoni

BanItalia

Ai miei amici in Italia

Voglio  che sappiate che ho inviato questo messaggio a tutti i tuoi tanti amici qui negli Stati Uniti che provano tanto amore  per tutti voi.
Cari amici
Sono in stato di shock e incredulità completa.
Non trovo le  parole appropriate. Ma devo provare.
Molti di voi conoscevano Pina, la moglie di Luigi Fanetti. lei e la sua cura che conoscevo molto bene. Era ed è una santa. Era un tipo di persona molto rara. Un tipo di persona che è un Dio inviare, una persona che quando siamo in grado di conoscerli, di vivere il loro amore e la cura, le nostre vite non possono altro che migliorare.
Tutti noi incontrare e avere il privilegio di conoscere queste persone se siamo benedetti, a volte per tutta la vita. Ma purtroppo, ci vuole troppo spesso il loro passaggio per noi per la maggior parte di loro apprezzare, perché è solo allora che la nostra stupidità nella nostra umanità finisce e quindi non ci resta solo che desiderano avevamo fatto di più per far loro sapere in modo più chiaro del nostro amore e apprezzamento per ciò che Dio ci ha inviato attraverso di loro.
Pina sempre conosceva bene il mio amore per lei e la sua cura, ma ora, guardando indietro è solo più sembra.
Non posso davvero descrivere come mi sento in questo momento, ma le lacrime scorrono.
Pina era una persona come mia nonna Wilma Trussoni mi ricordo il suo stato. Pina non era come una nonna per me, ma piuttosto altrettanto buono come una persona può essere e un vero amico. Era senza alcun dubbio come buona una persona come mia nonna era e che è così molto buona.
Non ho mai sentito la nonna o Pina  dire qualcosa di negativo su qualcuno.
Non credo Pina mai avuto un cattivo pensiero di un’altra persona. Sempre solo l’amore e la cura per gli altri, non importa quale.

Pochi di noi sarà ricordato come tale, ma Pina sarà.

Pina ha fatto tanto e non solo per aiutare me personalmente ogni volta che ero a Campodolcino (lavare i miei vestiti, mi alimenta ecc ecc), ma in aggiunta il suo costante sostegno e aiuto a Luigi e Michela e di tanti altri che contribuiscono al successo di le nostre visite gruppo era veramente stata la chiave del successo per molti anni.
Per voi nuovo arrivato di andare incontro a questa lettera, il marito di Pina, Luigi Fanetti e la loro figlia Michela, sono stati fin dall’inizio (6 anni fa) stati miei contatti principali e il supporto nella pianificazione ecc ecc ecc nostre visite di gruppo.
Le visite di gruppo sarebbero state  impossibili semza il loro aiuto.
Ho incontrato Pina, Luigi e la sua famiglia, nel novembre del 2004, 12 anni fa. Lei era un santo già allora.

So che Pina era ammalata  da tempo, ma questo è stato inaspettato. Mi è stato detto che lei morì di insufficienza cardiaca la notte scorsa. Così triste, sembra proprio impossibile che sia vero e che sto scrivendo questo a voi. Noi tutti – tutti voi e me – faremo qualcosa di molto speciale per lei e la sua famiglia.
Ho già mandato a dire a chiedere i nostri cari amici Walter e sua figlia Paola Trussoni per aiutarci a fare questo per dimostrare il nostro amore per Pina e il nostro ricordo di lei durante questo periodo molto triste.

Non che Pina ha bisogno di preghiere, per quanto la maggior parte di noi, ma sono sicuro che tutta la sua ricorderete nel vostro.

Bill & Rose Trussoni

Google Traduttore per il Business